L’estate dei desideri… impossibili!

Non c’è nulla come un po’ di tempo alla Spa per ritemprarsi dai bagordi del Ferragosto. Io di mio ho una predilezione per macerarmi in una vellutata di zucca. Mi ci sposo benissimo. Anche perchè mi ci confondo dentro e nessuno viene a bussar su guscio tanto pensano non sia in casa. Così oggi me ne stavo a godermi questo clima perfetto da quasi fine estate e lo ammetto, in mezzo a tutto quest’arancione mi sono anche un po’ appisolata. Solo che quel neurone dispettoso che gira in testa non ne vuole sapere di fermarsi mai, quindi ha continuato a vagabondare per il cervello senza una direzione precisa e mi ha ridotto i pensieri peggio che una rete aggrovigliata dalla tempesta. Ok, forse me la son voluta come un sgombro che vuole salutare il vermicello attaccato all’amo… Qui non si ferma nessuno, mica si può rilassare un po’ una cozzina. Perchè quest’estate è più pazza di un pannocchia di mare che desidera diventare pop corn. Anche chi va in ferie non può mettersi alla griglia sotto il sole perchè appena ti distrai succede qualcosa. Prendi solo per esempio la Firem: manda in vacanza tutti e i proprietari continuano a lavorare indefessamente… per trasportare tutti i macchinari in Polonia! Capito perchè se anche dormo tengo sempre un occhio aperto? Mica è per paura di non pigliar pesci, è che qui si rischia che ti portino via scoglio da sotto guscio appena ti distrai. E addio sicurezza! Ma chi non si prende un attimo di tregua proprio è Berlusconi: mi è andata di traverso la zucca quando ho visto il cielo solcato dai suoi striscioni. E’ che è peggio di polipo quando gioca a Shanghai e non sa che cannolicchio pigliare. Chieder grazia: sì o no? E Napolitano come reagirebbe? E il Pd che farebbe? E se invece cedesse il posto? C’è una cosa però che dobbiamo ammettere: il PdL continua a dare un giro di boa al Pd. Prendete solo Rotondi che dichiara: “Tutto è possibile perché noi siamo di più di quelli di sinistra e, dunque, chiunque può provarci e riuscire a battere Renzi”. I democrat ancora non hanno deciso che fare di loro stessi e al centrodestra hanno già il candidato da battere. (Povero Civati, quanto ci dev’esser rimasto male! Ma su Pippo! Qui da noi sei sempre ben accolto, fatti un tuffo e non pensarci!) Ma che hanno il pesce palla premonitore? Tipo che lo squotono e gli appare sulle scaglie “sì-no-forse”? In mezzo a tutti questi dubbi amletici (e a un paio di cucchiate di vellutata andate di traverso)… ecco là! Un cavalluccio marino che si trainava dietro un’alga con la scritta Cozza for president… Ops! Mi ero abbioccata di nuovo!

cozza-news-elezioni

L’apparenza non è tutto… ma significa tanto!

Ok, lo ammetto. Anch’io ogni tanto do la libera uscita dal guscio alla vanità: in fin dei conti sarò cozza, ma lo so che l’apparenza conta eccome! Ovviamente poi c’è tutto il resto, però prendiamo quest’epoca. Tutti che comunicano tramite social: chi mette nel profilo la foto peggiore che gli abbiano mai scattato in vita sua? E se qualcuno si ostina a dire che vale zero… beh, ha una testa da scoglio! Di roccia proprio! Potete non dar retta a me, ma chiedetevi come l’ha presa Madonna che suo figlio ha pubblicato le foto di lei versione “nature”. E non intendo con un trucco naturale… Neanche una goccia proprio! Neppure una ricciola che le arricciasse i capelli! Una vita a crearsi un’immagine e poi… splash! Finisce anche lei nella rete. E il bello è che mi è risultata anche più simpatica e umana! Avevo quasi pensato d’invitarla a tenere un concerto anche quaggiù a questo punto! Lei di spettacoli ne ha fatti di ogni, ma subacqueo le manca in fin dei conti. I pesci chitarra si stavano già accordando assieme ai caponi lira mentre il pesce volante aveva ultimato delle coreografie da paura. Poi mi sono resa conto che c’erano due problemi di base. Primo: i pesci volanti con le stelle cadenti non c’azzeccano. Troppo pericoloso. Rischiavamo incidenti e se rimbalza una stella poi vallo a sapere se si avvera il desiderio. Secondo: siamo in piena estate e di sicuro Miss Ciccone avrebbe voluto dell’anguria… solo che se le sono fregate tutte i cinesi! Voi potrete pure pensare che il guscio non sia il massimo della moda, ma a quanto pare ci sono genitori che ne creano ad hoc per i figli. Lo fanno per tenerli al fresco. Alla fine sembrano tanti simpatici paguretti verdi… Alcuni hanno anche il caschetto in testa. Forse vogliono imparare ad andare in bicicletta come Marino. Che oggi se l’è presa con gli inglesi che hanno messo in guardia i compatrioti dai borseggiatori a Roma…. In effetti non la chiamerei pubblicità progresso, ma se nei vagoni delle metro della Capitale trasmettono un video per mostrare come proteggersi da eventuali furti… forse un motivo c’è! Ma non prendiamocela con il primo cittadino se non ne è consapevole! Forse si è scordato di aver lodato la vigilessa aggredita sulla banchina della Metro… Ma in fin dei conti lui gira pure con la scorta, che ne sa? Del resto oggi gli inglesi aveva voglia di punzecchiare l’Italia. L’han presa come bersaglio peggio di noi quando facciam i tornei di aguglie! (Altro che le vostre freccette! Calibri un po’ le pinne e spinnano via che è una meraviglia! Magari evitate di giocare con il mare mosso…) L’Economist ha definitivamente rottamato Berlusconi e sappiamo che non l’hai mai visto molto bene nel mare della politica… Ma già che c’era ha legnato pure il Movimento 5 Stelle. “La repulsione per la politica ha condotto in febbraio un quarto dell’elettorato a votare per il Movimento 5 Stelle guidato da un comico…” Sta a vedere che in Inghilterra esprimono i desideri con i grillini cadenti (nel gruppo misto!) Che vi posso dire… un anno fa qualcuno, in questa stessa notte, aveva desiderato che la politica fosse divertente!

cozza-news-apparenza

I politici sono talmente impegnati a salvare l’Italia… che rubano il lavoro ai comici!

Quando sono perplessa mi arrotolo ciuffo. Oggi lo ero talmente tanto che alla fine avevo un boccolo in testa. Praticamente la cozza-Teletubbie. Probabilmente è stato per quest’antenna che ho captato l’illuminazione. Quelli del Pd sono talmente democratici, che vedono democrazia anche dove non ce n’è. Oggi c’era la festa del Pd (la fanno prima della Direzione perchè poi saranno frutti di mare avariati?) Prende la parola Renzi, che ha rotto il muro del silenzio dopo tre settimane, quindi c’ha pure riflettuto con calma, e se ne esce con “Caro Letta vai avanti e fai le riforme per le quali sei stato votato”. Mi sfugge chi l’ha votato però! Voglio dire, ok che è premier ma se qualcuno aveva votato Pd si aspettava Bersani… Poi servivano le Larghe Intese quindi chi meglio di un rappresentante di centro-sinistra nipote di Gianni Letta? A parte questo… Renzi ha ragione: vorrebbe che il Pd avesse più coraggio e poi che “non possiamo andare avanti con questi politici”. Insomma, da quando ha capito che il termine rottamanzione non gli porta bene ammorbidisce i toni ma il senso non cambia. Che poi un bel ringiovanimento ci starebbe bene, perchè dopo qualche anno al potere iniziano a confondersi come un luccio senza navigatore. (Dovete sapere che i lucci proprio non sanno leggere le stelle, men che meno hanno capito da che parte sorge il sole. Se non hanno accanto un’acciuga che li guida chissà dove vanno ad arenarsi!) Infatti dopo l’intervista di Epifani al Corriere della Sera Brunetta ha dichiarato che “… sia Silvio Berlusconi che il Pdl hanno già escluso riflessi sul governo, assicurando la continuazione del loro impegno”. Beh, diciamo che sono stati proprio loro a dare l’ultimatum o riforma della gisutizia o crisi del governo. Insomma, non è che dopo la condanna della Cassazione non sia cambiato proprio nulla… E’ che oggi Brunetta era un po’ nervoso perchè non gli è andato giù quanto ha detto Benigni allo spettacolo di ieri sera. Dice che si è rivenduto le battute stantie di altri comici. E che ce la prendiamo con loro adesso? Per far una buona satira bisogna pure avere del materiale su cui lavorare: appunto servono nuovi politici, per avere altri spunti! Anche perchè se quelli che già ci sono si metto a fare le imitazioni in Aula tra un po’ bisogna mandare anche loro all’ufficio collocamento. Ci lamentiamo della disoccupazione e la Mussolini vuol far tutto lei! E’ come se un pesce palla quando ha il suo turno di boa segnaletica si mettesse anche a salutare le navi che passano: e i delfini che fanno? Lucidano le conchiglie? Insomma, qui più che larghe intese sembra un fritto misto con troppo limone: ognuno pensa a non farsi mangiare per primo ma sono tutti sull’acido! Speriamo almeno a Ferragosto si godano una bella siesta… e che intanto la pioggia raffreddi un po’ i bollenti spiriti.

-cozza-news-pd

Quel Pdl… che si affida alle previsioni di Casaleggio!

I pesci palla sono utilissimi. Se il nostro sesto senso per i temporali è un po’ sfasato basta chiedere a loro. Gonfiano il petto (per darsi un tono), si fanno lucidare un po’ e poi predicono tempeste, nubifragi e quant’altro. Ti dicono proprio ora, giorno, latitudine e longitudine. Probabilmente è per questo che i bipedi avevano scelto la sfera per predire il futuro: è infallibile. E precisa. Peccato che poi siano subentrati macchinari e supercomputer vari e, invece di usare i propri occhi per vedere, l’uomo abbia preferito affidarsi a quanto riportato dalle macchine. Morale: i bipedi hanno perso di precisione. Infatti poi spuntano i guru che parlano di “nei prossimi mesi”… Come dire: prima o poi accade, mettetevi comodi, vivete sereni, quando capita tanto ve ne accorgete. Ma se io vedo dei nuvoloni neri proprio sopra il mio ciuffo e dichiaro che sta per piovere non è che mi nominano teorica del gruppo Movimento 5 Cozze. Invece oggi se ne salta fuori Casaleggio che spiega che, appunto nei prossimi mesi, il Paese avrà “uno shock economico che potrebbe portare a disordini, rivolte. Qualcosa che non può essere dominato dalla politica”. Ma ormai shock economico è solo se al posto della manna piovono soldi dal cielo o tutti si ritrovano con un portafoglio ripieno! Per il resto è coerente: dice  “non una guerra civile”, ma “situazioni difficilmente controllabili dal punto di vista dell’ordine pubblico”. Praticamente sta ancora ad aspettare che lo Tsunami Tour sortisca il suo effetto e la massa si agiti! Per tutti gli spruzzi di una balena, te lo dice anche un salmone di passaggio che la gente non ne può più! La cosa interessante è che, casualità, proprio oggi il Pdl se n’è saltato fuori con la moratoria legislativa sui temi etici. La teoria è: siamo in crisi, bisogna pensare all’economia, quindi tutte le altre cose su cui lavorate da mesi lasciatele perdere. E dire che son gli stessi che volevano la sospensione dei lavori per fare il punto della situazione quando si trattava di Berlusconi… Insomma, questioni di priorità… Non è che il centrodestra dà retta a Casaleggio (prima non si erano accorti della situazione economica perchè c’erano le manifestazioni contro le toghe) e si son tutti spaventati? Più che altro per quel: “Qualcosa che non può esser dominato dalla politica”. Ma se chi governa non può far nulla è inutile, quindi che resta a fare in Aula? Meglio far vedere che si è smesso di giocar a palla con le foche e si sta combinando qualcosa. Tipo iniziando col dar contro agli alleati, (che hanno appena “graziato” Alfano non sfiduciandolo) bloccandone il lavoro. La cosa interessante è che per la prima volta nessuno del Pd è andato contro il suo partito dando ragione al Pdl mentre in quest’ultimo c’è stato chi non era completamente d’accordo con la linea generale. Sta a vedere che per una volta i Democrat non s’infiocinano tra di loro: questo sì che sarebbe uno shock! cozza-news-casaleggio

La frustrazione italiana… fa muovere i vigili in branco!

Oggi me ne stavo tranquilla a passeggiare per i canali di Venezia quando a un certo punto… Splash! Quasi mi arriva in testa una scarpa. Alzo lo sguardo e vedo che c’è anche un uomo all’estremità. Lo osservo agitare un po’ le gambe mentre se ne sta appeso a una gondola (le gondole mi piacciono, mi ricordano un po’ il mio guscio. Solo che loro hanno chi le muove, io mi devo arrangiare) e poi decidersi a risalire. Visto che sentivo parecchio rumore in superficie, ho deciso di dare uno sguardo. C’erano sei vigili che tentavano di afferrare il tipo e portarlo via mentre la folla urlava contro alle divise. Il bipede in questione era un artista di strada abusivo e loro l’hanno placcato con la forza. In gruppo. Avevano paura che li pennellasse tutti? Anche da noi ogni tanto qualche diatriba c’è, però in genere la si risolve pinna a pinna. O chela a chela, visto che in genere le più rissose sono le aragoste. Però insomma, sei contro uno poi per forza passi dalla parte del torto: dovresti tutelare l’ordine e fai più confusione che non cercando di trattare con calma. Poi dicono che in Italia non c’è chi vigila sulla sicurezza: per forza! Sono impegnati a mettere in subbuglio una zona tranquilla. Ora, la legge è legge e va bene. Però c’è pure modo e modo di farla rispettare. Il problema è che un po’ di frustrazione in Italia c’è. E come potrebbe essere diversamente? All’estero fermano l’ex capogruppo della Cia di Milano Robert Seldon Lady, quello coinvolto nel caso Abu Omar. Non fanno in tempo a chiedere la conferma del fermo che a Panama l’hanno già rilasciato e fatto tornare negli Stati Uniti. E’ sgusciato via più rapido di me quando vedo un bipede desideroso di mangiarsi un piatto di spaghetti allo scoglio! E ovviamente visto che si parla di Usa l’Italia non dirà nulla, la notizia sarà lasciata cadere nel nulla con buona pace della Severino che l’aveva dichiarato ricercato in campo internazionale. Insomma, se ogni volta bisogna star zitti perchè gli altri son più forti, tanto vale prendersela con l’inerme di turno. Da noi non vedrete mai un’acciuga fare il solletico a un’orca mentre dorme, ok, però hey, si parla di sopravvivenza! Per tornare al povero pittore abusivo, la sua versione è che ha anche richiesto più volte i permessi ma non sono mai arrivati. Noi il problema della burocrazia non ce l’abbiamo: se la gestiscono i calamari. Con tutti quei tentacoli son rapidissimi e hanno anche sempre la loro scorta d’inchiostro a disposizione: se vi serve un aiuto basta chiedere a loro… ma non meravigliatevi se dicono che si fanno una nuotata in pausa pranzo!

cozza-news-venezia