Quelli che… si sono distratti un po’!

Io sono ancorata nella convinzione che gli opposti si attraggano… se hanno qualche similitudine! Mi spiego. Se trovi qualcuno che ha un neurone che gira con il tuo, alla fine finiscono che corrono in tondo appaiati e non cambia nulla. Praticamente è come se ti specchiassi su una goccia e parlassi con te stesso. Però se sopra alla prima ne cade un’altra, ecco che spruzzano mille goccioline più piccole in tante direzioni diverse. Quelle sono le idee, i discorsi e così via. Infatti io e Scoglio andiamo d’amore e di cozzi proprio per questo motivo… non vi dico quante scintille: fortuna siamo abbastanza annacquati per non ustionarci da soli. Io starei sempre in profondità, lui ha la fissa del guardare in alto e si studia tutti i progetti di Da Vinci per capire se riesce a costruire qualcosa per volteggiare. Così alla fine riusciamo sempre ad avere una visione più completa e impariamo qualcosa di nuovo. Sì, perchè dovete sapere che loro hanno i gabbiani come insegnanti mentre noi abbiamo le nostre scuole sommerse. Chiaro che impariamo fin da cuccioli cose diverse. Fatto sta che quando lui era un sassolino nessuno gli ha spiegato come funziona la telepatia. Visto che non è proprio facile, e lui ha la testa dura, dopo qualche spennellata di nozioni gli ho fatto far la prova con gli orsi polari. Con loro è semplice perchè, stando un po’ fuori dalle varie rotte, sono sempre connessi per sapere che succede in giro (il rischio è solo di trovare quello che si è appena svegliato e vuole il riassunto dei mesi precedenti…) Fatto sta che oggi ci siamo goduti una bella chiacchierata e… ma quanto sono fuori dal mondo a volte! Fanno splash nelle cose più banali! Loro abituati ai ghiacci non hanno capito bene sta cosa del riscaldamento globale, esempio… Questa cosa del vivere in un mondo a parte io proprio non la capisco, continuo a grattar la testa ma nulla… Come se i pesci rossi si mettessero dentro una boccia in fondo al mare praticamente! Un po’ come quella bipede, la Federici, che se n’è schizzata fuori dicendo “Lavorassero un po’ di più questi che si lamentano tanto. Che si mettessero a lavorare.” Ma il problema non era che non si trova lavoro? Insomma, non dico leggere tutti i quotidiani ma un tg al mese non ci sta malissimo… giusto per dare uno sguardo fuori a quella pozzangherina dorata che è il mondo dei super-ricchi… Qui quando l’abbiamo sentita abbiam fatto tutti la faccia che hanno i naselli quando se ne vanno alle terme e dopo 25 minuti immersi nell’acqua bollente con un po’ d’aromi hanno l’aspetto un po’ lessato… Insomma, quelle cose a metà strada tra l’incredibile e l’assurdo (sentite, non vi meravigliate voi che non avete ancora capito come una cozza possa tenere in un blog stando sott’acqua…) tipo il Milan che s’arena sulla lista per la Champions o Pezzali che si separa… e ne dà l’annuncio in rete. Lui poi che è tutto riservato… qui causa social perdono tutti la bussola: e ora che direzione prende? Nord sud ovest est?

cozza-news-fuoridalmondo

Per fortuna non sono una VIP… o sai che fatica!

Dovete sapere che non sempre il risveglio di una cozza è il momento migliore della giornata (quella volta che riescono a dormire un po’) Capita che un’onda voglia farti uno scherzo e ti schizzi oppure che una sirena ti si metta a fare i vocalizzi a portata d’orecchio o anche che un gambero t’investa (loro vanno all’indietro, e lo sapete anche voi, ma ignorate che non hanno gli specchietti retrovisori!) Questa mattina è stato meno traumatico ma non per questo meno impressionante. Per la coda del beccaccino! Di solito mi dimentico di aprire guscio e chiedo chi ha spento il sole, ma oggi era accecante! E mica mi trovavo nei pressi della Walkie Talkie Tower! Insomma, strizza gli occhi più e più volte, avevo paura di aver preso sonno in mezzo alla grotta dov’è nascosto il tesoro dei pirati! Ma che era tutto sto sbirlucchio? Alla fine sento la voce di Scoglio che bisbiglia (e già così mi trapassa i timpani che lui tutto sa fare, tranne modulare il volume): “tranquilla Cozzina, è solo un po’ di polvere di stelle”. Ah! Allora chiaro! Con tutte queste star che arrivano per la Mostra del Cinema ne è finita un po’ anche qui! Tutto chiaro! (Diciamocelo, non è che ce ne siano proprio tantissime, però poi ti arrivano i vippini nostrani che si tirano a lucido e perdono per strada un po’ di brillantini…) Al che mi è venuta l’illuminazione (che vista la situazione ci stava bene): ma quanto dev’essere stressante per loro fare queste apparizioni? Voglio dire: sorridi sorridi sorridi, saluta saluta saluta, firma firma firma. A me fan male tutte le grinzette facciali già per il tempo di dire “reef” per una foto quando m’imbatto in qualche documentarista! Pensate a questi poveracci (che saran anche personalità, ma sempre bipedi sono) che devono spennellarsi addosso un sorrisone anche quando le scarpe li stanno massacrando o hanno bisogno di andare in bagno e i fan non li lasciano passare! Per non parlare del fatto che mica possono uscir di casa con addosso la prima conchiglia che trovano. No! Devono presentarsi in giro precisi (che la classifica dei peggio vestiti è dietro la boa) oppure stupire a tutti i costi. Lady Gaga si è pure inventata di girare con un copricapo stile orecchie di Topolino… A me piacerebbe se lo trovassi con quelle di Dumbo che se vedo un pesce martello posso svolazzare via rapidamente (non lo so perchè, ma ogni volta che mi vede mi chiede se voglio andare a un incontro di boxe: mi vuole usare come gong!) Infatti poi non sai come far parlare di te quando sei in spiaggia: ti tocca iniziare a fare capriole o acrobazie varie (tutte rigorosamente testimoniate con video o foto) solo perchè non hanno ancora inventato un copricapo con una freccia luminosa in cima. Insomma, è una faticaccia sempre e comunque… Quasi quasi capisco che Miyazaki abbia deciso che “Si alza il vento” è il suo ultimo film… Però un po’ mi spiace: con tutta la sua passione per rincorrere il sogno e la magia mi piacciono proprio i suoi lavori… peccato preferisca gli aerei alle barche: mi sarei offerta come esperta!

cozza-news-celebrità