L’estate dei desideri… impossibili!

Non c’è nulla come un po’ di tempo alla Spa per ritemprarsi dai bagordi del Ferragosto. Io di mio ho una predilezione per macerarmi in una vellutata di zucca. Mi ci sposo benissimo. Anche perchè mi ci confondo dentro e nessuno viene a bussar su guscio tanto pensano non sia in casa. Così oggi me ne stavo a godermi questo clima perfetto da quasi fine estate e lo ammetto, in mezzo a tutto quest’arancione mi sono anche un po’ appisolata. Solo che quel neurone dispettoso che gira in testa non ne vuole sapere di fermarsi mai, quindi ha continuato a vagabondare per il cervello senza una direzione precisa e mi ha ridotto i pensieri peggio che una rete aggrovigliata dalla tempesta. Ok, forse me la son voluta come un sgombro che vuole salutare il vermicello attaccato all’amo… Qui non si ferma nessuno, mica si può rilassare un po’ una cozzina. Perchè quest’estate è più pazza di un pannocchia di mare che desidera diventare pop corn. Anche chi va in ferie non può mettersi alla griglia sotto il sole perchè appena ti distrai succede qualcosa. Prendi solo per esempio la Firem: manda in vacanza tutti e i proprietari continuano a lavorare indefessamente… per trasportare tutti i macchinari in Polonia! Capito perchè se anche dormo tengo sempre un occhio aperto? Mica è per paura di non pigliar pesci, è che qui si rischia che ti portino via scoglio da sotto guscio appena ti distrai. E addio sicurezza! Ma chi non si prende un attimo di tregua proprio è Berlusconi: mi è andata di traverso la zucca quando ho visto il cielo solcato dai suoi striscioni. E’ che è peggio di polipo quando gioca a Shanghai e non sa che cannolicchio pigliare. Chieder grazia: sì o no? E Napolitano come reagirebbe? E il Pd che farebbe? E se invece cedesse il posto? C’è una cosa però che dobbiamo ammettere: il PdL continua a dare un giro di boa al Pd. Prendete solo Rotondi che dichiara: “Tutto è possibile perché noi siamo di più di quelli di sinistra e, dunque, chiunque può provarci e riuscire a battere Renzi”. I democrat ancora non hanno deciso che fare di loro stessi e al centrodestra hanno già il candidato da battere. (Povero Civati, quanto ci dev’esser rimasto male! Ma su Pippo! Qui da noi sei sempre ben accolto, fatti un tuffo e non pensarci!) Ma che hanno il pesce palla premonitore? Tipo che lo squotono e gli appare sulle scaglie “sì-no-forse”? In mezzo a tutti questi dubbi amletici (e a un paio di cucchiate di vellutata andate di traverso)… ecco là! Un cavalluccio marino che si trainava dietro un’alga con la scritta Cozza for president… Ops! Mi ero abbioccata di nuovo!

cozza-news-elezioni

In Italia non si riforma nulla… tranne quello che già funziona!

Estate. Caldo. Fuga dalle città. La gente si riversa sulle spiagge, fosse anche solo in pausa pranzo, e le metropoli si svuotano. Anche perchè se non tutti partono, è comunque vero che le ferie si fanno, magari girovagando in un centro commerciale giusto per stare al fresco. E visto che sdraio e ombrelloni conquistano i nostri territori… ad alcuni di noi che resta da fare? O ne approfittiamo per visitare le vostre città (visto che siete rimasti in pochi è più facile passare inosservati) oppure andiamo verso il largo per starcene tranquilli. Sempre che non vi mettiate a fare il gioco aperitivo in spiaggia, allora stiamo vicine alla riva per goderci lo spettacolo dei bipedi che, liberi da cravatte e scarpe strette, fanno le cose più assurde (ok, lo ammetto, con la massima indifferenza racimoliamo pure un po’ di patatine, se no che aperitivo è?) Oggi i delfini se ne sono andati in gita a Roma, giusto per lanciare una monetina nella Fontana di Trevi (non lo fanno mai se li guardate, altrimenti poi iniziate a chiedere dove hanno le tasche per tenere la monetina e li distraete dal desiderio.) Ci sono andati in compagnia degli amici della Lav e di Marevivo, così oltre a farsi una gita hanno manifestato pure per i diritti dei delfini. Perchè noi siamo molto attenti a questi temi. Infatti sappiamo che pure voi avete bisogno di sgranchirvi le gambe e i granchi non vi mordono ogni volta che vi vedono. Che poi non mi è chiara questa cosa. Succede il finimondo se scoprite che il vostro partner vi legge gli sms, apriti Mar Rosso con la storia delle intercettazioni, non sopportate di farvi vedere in giro spettinati o struccati… e poi fate i guardoni appena vi capita di finire in un acquario. Voglio dire, ma che concetto di privacy avete? Pensate come vi sentireste se vi tirassero dietro un pesce e poi in centinaia fossero pronti ad applaudire appena deglutite. Ma è più traumatizzante che usare per la prima volta il vasino con i genitori che fanno il tifo per te! Comunque, era troppo caldo per i miei gusti così me ne sono andata a trovare Dusty il delfino. Poveretto. Era tutto mogio mogio. Aveva bisogno di distrarsi un po’. Dovete sapere che i delfini sono tanto estrosi quanto pazienti. Vorrei proprio vedere se voi andate a farvi una passeggiata e tutti quelli che passano vi danno delle pacche sulla testa se prima o poi non vi stancate. Ecco, questi pescioloni non solo le sopportano perchè sanno che a voi fa piacere, ma cercano di giocare con voi in tutti i modi. Dusty poi è estremamente amichevole, se incontrasse la strega di Ariel le chiederebbe di dargli due braccia solo per poter stringere la mano a tutti (in effetti quando voi dormite pensa a una carriera politica)… ma al momento ha solo pinne e coda quindi si deve accontentare di spinnarvi. Il problema è che voi siete maliziosi quindi appena uno si spinge un po’ oltre ecco che ti appare il titolo: “delfino attacca donna“. E che? Pensate che abbia una personalità dissociata e creda di essere uno squalo all’ora di pranzo? E’ che voi siete maliziosi. Come oggi che Berlusconi ha mandato l’ultimatum: o la riforma della giustizia o al voto! Tutti a pensar male, convinti che stesse facendo i suoi interessi.. ma lui è solo preoccupato perchè c’è da risolvere la situazione carceraria, parlava dello svuota-carceri! (Almeno mastro storione spiegato così, poi gli si è un po’ allungata la coda però hey, mica fa pinocchio di cognome!)  Comunque, Dusty si sente in colpa perchè voleva salutare e invece ha fatto male a una donna. Assolutamente non intenzionatamente! Per farsi perdonare aveva pensato di mandare in dono una scatola di plancton glacèe (credetemi, cioccolata e gelato sono nulla al confronto… e non ti fa neanche venire i brufoli!) però gli si è aperta mentre saltava verso riva e ora è un po’ troppo salato… Così che ha pensato di fare? Si è nascosto in una caravella abbandonata. Io gli ho spiegato che mica deve vergognarsi e nascondersi. Voglio dire, se tra i bipedi dopo una condanna si fa un videomessaggio per farsi passare per salvatore della patria… lui al massimo può passare il link del video alla nazionale delfini. Se dimostra di aver anche mira, con quel destro non c’è portiere che può contenerlo! Nel caso contrario… vista la potenza, lo ingaggio io per quando devo portare al pascolo i cavallucci! cozza-news-delfini

Gli equilibrismi della sentenza Mediaset… mettono tutti in confusione!

E tutta questione di equilibrio. E ve lo dico io che ho un guscio che è tutta una curva! Se vuoi andare avanti nella vita devi bilanciare perfettamente tutti i vari aspetti. Se non lo imparate è un casino poi. Prendete solo Semola/Artù quando Merlino l’ha trasformato in pesce: finchè non ha imparato a dare un colpo a destra e un colpo a sinistra mica riusciva ad andare avanti. Anche i giudici lo sanno. I nostri non è che tengono il bilancino per pesare le porzioni in pausa pranzo! Non che da noi di processi ce ne siano molti. Infatti quella volta che capita c’è una folla immensa proprio perchè è un’eccezione. In compenso possiamo vedere i ritratti nei rotoli di storia. Il più famoso di tutti era il pesce panda Equus. Meraviglia! Con i suoi occhialetti tondi, la parrucchetta di alghe e la toga di corallo. (Intendiamoci, color corallo. Mica fatta con il corallo. Altrimenti chi li sente gli animalisti? Mica giriam con l’ermellino come voi qui, a parte che s’inzuppa e uno non si muove più, però insomma…) Equus è importantissimo perchè quando il capo tritone di allora voleva conquistare gli oceani e trattava sottobanco con gli squali per avere il potere assoluto lui è riuscito a fermarlo. L’ha condannato alla rete eterna e gli ha impedito di usare la telepatia. Troppo invasiva e poi con il suo sorrisone lui appariva nelle teste dei pesci più sprovveduti per convincerli che era il buono. Aveva anche promesso una conchiglia con vista sulla barriera corallina per tutti! Però devo ammettere che anche i vostri sanno essere bilanciati. Infatti a Berlusconi oggi per non dare la mazzata che avrebbe portato alla rivoluzione hanno confermato la pena ma per quel che riguarda l’interdizione dai pubblici uffici han fatto gambero e si torna indietro di un turno. A parte che mi sfugge un passaggio. Cioè, quando il forchettoso è finito in rete, poi non è che andava alle riunioni degli squali. L’han messo alle Colonne d’Ercole e là è rimasto. (Le sue guardie hanno raccontato che hanno anche salutato Ulisse quand’è passato. Sì, lo so che voi conoscete la versione per la quale è finito all’Inferno quando c’ha provato, ma Dante aveva già un viaggio lunghissimo da raccontare, mica poteva mettersi anche a fare una simile digressione, ha sintetizzato un po’. Anche perchè altrimenti Benigni adesso sarebbe incastrato anche con Tuttoulisse oltre che con Tuttodante!) Che poi questa cosa ha messo in confusione anche l’Esercito di Silvio (a parte che più che esercito fa molto Armata Brancaleone, che oggi davanti al tribunale c’erano i quattro che non hanno ancora iniziato le ferie… hey! E’ il primo agosto in fin dei conti!): non sapevano più se dovevano insorgere o festeggiare. Alla fine hanno capito che c’erano più giornalisti che “soldati” quindi hanno deciso che sono i rappresentanti di chi ha votato Berlusconi e adesso decideranno che fare. Io capisco anche la loro confusione. Mettetevi nei panni di chi ha votato Pdl. Berlusconi s’è rituffato nella piscina della politica per lottare contro i giudici e ha promesso di restituire l’Imu in caso di vittoria. Adesso. Non ha vinto però con la scusa della larghe intese è al governo. Le promesse deve mantenerle o no? Intanto son riusciti a far saltare l’ipotesi liste pulite. (Che già questo un po’ fa riflettere su tutti, ma ok…), con la magistratura si è preso una condanna e dell’Imu hanno parlato tanto ma ancora non si sa che faranno (anche perchè si chiama Parlamento, non “Facciamento”…) Quindi ha mantenuto la parola o no? Io poi non vorrei mai essere un’esponente del Pd: loro sì che sono come dei pinguini che stanno in equilibrio su una perla: difendono la magistratura ma sembra anche che poi gli serva l’inciucio…

cozza-news-sentenza