Dalla padella alla brace… il prossimo passaggio è fare falò?

A vedere quello che sta accadendo sulla terra ferma in questi giorni un dubbio viene. Cioè, in mondo bipede ognuno se ne va per i fatti suoi (basta vedere gli ingorghi: andassero tutti nella stessa direzione mica ci sarebbe quel concerto di clacson, no?) Provate a osservare un branco di alici nel mare delle meraviglie. Dicono: “andiamo a giocare a liana con le vele del vecchio galeone”. Prendono e si muovono tutte assieme. Anche quando fanno le “prove rifugio” s’infilano tutte nella stessa lattina… (e non meravigliatevi voi che fate le campagne pubblicitarie a suon di “senti quant’è comoda questa bara!“) Ecco, da voi c’è sempre chi si deve distinguere (mi han detto che succede anche sui mezzi pubblici: uno pensa ok, son tutti assieme, se ne stanno tranquilli un po’ come quando noi ci facciamo trainare da Testuggine, invece no, anche là c’è sempre quello che deve andare contromano, controllore mi sembra abbiano detto che si chiami…) Pensavo che forse non avendo la marea su cui calibravi siete un po’ confusi ma poi ho visto che anche dei cucciolotti riescono ad andare tutti nella stessa direzione. A questo punto il sospetto è che sia quella strana abitudine di camminare eretti. Cioè, mica si scherza con la gravità, forse un po’ che il sangue va verso i piedi un po’ che l’ossigeno che vi arriva fa un cocktail con l’inquinamento poi si confondono le idee. Allora, che i partiti vadano tutti in direzione ostinatamente contraria si sa (poi il giuramento è lo stesso per tutti, ma sapete com’è, ognuno lo interpreta un po’ a modo suo…), che all’interno dello stesso ci siano i micro schieramenti pure… ma il Pdl? Sta a vedere che quelli di centrodestra vanno a scuola con i fuoriusciti 5 stelle: i primi hanno scoperto che quando sono stati distribuiti i neuroni erano tutti presenti e possono usare anche la loro testa invece che eseguire gli ordini! (O forse sono gli altri che non sono riusciti a fermare gli ordini telepatici di Casaleggio? In fin dei conti son mesi che Grillo continua a ripetere “tutti a casa”: sai mai che si sono fatti convincere!) Fatto sta che pure Alfano ha detto che nel partito “non possono prevalere posizioni estremistiche” e “se sono questi i nuovi berlusconiani, io sarò diversamente berlusconiano”. Solo che per essere berlusconiano in questi giorni devi aver espresso lo stesso desiderio suo quando ha soffiato le candeline invece ho un granellino di sabbia di sospetto che Angelino tutta questa voglia di lasciare la poltrona non ce l’abbia: quando ha capito che non se la poteva portare via s’è fermato a pensare… Anche Letta s’è preso un po’ di tempo e si è messo a ricordare la sua giovinezza e un film che aveva visto:  Ricomincio da capo, (lui lo chiama Il Giorno della Marmotta ma insomma, ha già i suoi grattacapi, perchè fare i pignoli? Ok, io posso farlo ma solo perchè Scoglio dice sempre che sono un po’ pinola di mio, che tanto pure quelli hanno il loro guscetto: solo che ci fai le torte con me al massimo un tortino…) Però secondo me di acqua ne è passata sotto i ponti e non si ricorda bene la storia: giorno dopo giorno, la situazione per Murray migliorava, qui si continua a trivellare di violenza! Però una cosa va detta: il premier ha dimostrato di essere davvero democratico: Carosello e Ricomincio da Capo… ha le citazioni che sono più “popolari” delle canzoni di Sanremo! Insomma, qui davvero “Non ci resta che piangere” (1 a 0 per me, io ho usato un film italiano!) oppure preparar la valigia e darci alla fuga… tanto sembra che i cervelli si trovino meglio all’estero. Ma anche no. A volte capita che uno parte con i suoi bei titoli in tasca e quando arriva si ritrova a pulire i bagni. Ma se al suo Paese era disoccupato, è saltato dalla padella alla brace o no? Beh, sempre troppo caldo per i miei gusti: tutti i problemi di questi bipedi prima o poi mi friggeranno il cervello… fortuna Scoglio è ignifugo!

cozza-news-dallapadellaallabrace

Il continuo balletto del PD… che lo fa retrocedere sempre un po’

Adesso forse ve ne convincete anche voi, visto che l’ha dichiarato un gruppo di scienziati svedesi: se canti in gruppo… “ti passa”! E dire che son secoli che cerchiamo di spiegarvelo. Abbiamo perfino il comitato delle sirene costituito appositamente. Loro vengono vicino a riva, si fanno vedere in tutto il loro splendore e cantano, si spazzolano i capelli, cantano, si guardano allo specchio, cantano, fanno acrobazie, cantano, ridono, cantano… Insomma, il messaggio dovrebbe essere chiaro a chiunque (a parte che sono delle narcisiste come pochi, intendo): fate gruppo, lasciate che la voce scivoli sulle note e starete subito meglio. I bipedi hanno spiegato che il battito del cuore si sintonizza, lo stress cala, la pelle si rigenera e così via. Insomma, vien voglia d’infiltrarsi nel primo gruppo che si trova e dar fiato all’ugola. Io mi faccio una passeggiata sui fondali e sento musica ovunque. Poi mi guardo attorno ed ecco tutti questi colori che sembrano abbinati alle note. Infine guardo un po’ oltre e vedo un tritone arrabbiato che cerca d’inforchettarsi una triglia però hey, ho mai detto che da noi è tutto perfetto? Allora mi chiedo: ma perchè quelli del PD non creano un bel gruppo a cappella? Pure un’air band che forse è meno complicato! Voglio dire: a suonarsele di santa ragione sono fantastici in fin dei conti. Se la cavano bene anche con i balletti: avanzo io, indietreggi tu e viceversa, purchè il partito non scoppi. Poi ogni tanto qualcuno s’impunta e si mette a urlacchiare come se fosse un pesce elettrico:”Se non mi passi la mozione tiro fuori il teaser”. (Si sono modernizzati anche loro. Per fortuna adesso hanno capito che se lo usano sott’acqua qui finiamo tutti fritti!). Però se ci pensate sono esseri mutaforme: mai una volta che Letta dia retta ai suoi e il Pd che fa? Gioca a gambero gambero. Pure con le dimissioni di Alfano: niente da fare, prima sbraitano e poi la buttano sul “Grande capo, decidi per noi”. Il problema di fondo è che Omero vi ha rovinati tutti. Ha fatto legare Ulisse all’albero della nave quand’era in vista delle sirene dicendo che erano crudelissime (ma povere loro, ma l’avete mai vista un’orca arrabbiata?) e da allora picche che le ascoltate. Ecco, se il Pd avesse il coraggio di tuffarsi una buona volta e farsi uno stage con uno dei nostri cori sicuramente poi qualche punto su cui convergere riuscirebbe pure a trovarlo. (Io sospetto che Civati una capatina l’abbia fatta: è l’unico con la chioma fluente se ci fate caso!) A me il PD ricorda una comitiva di pesci ambasciatori mediterranei quando va a fare visita alle tribù oceaniche. Quelle hanno i grandi squali che sguazzano vicino al confine (mica per altro, è che se si avvicinano a riva per far quattro chiacchiere con qualche granchio sicuro beccano degli umani che iniziano a urlare terrorizzati e loro sono sensibilissimi ai rumori). I mediterranei sono accompagnati da un sirenetto con il tridente sempre impugnato: ovvio che ancora prima di parlare mostrano i denti. I piccoletti si danno alla fuga perchè non è ora di partecipare a un banchetto in qualità di pietanza e dicono a tritone di andare avanti. Al che si ritrovano tipo 20 contro 1. Che deve fare? Saluta e ringrazia per l’ospitalità e torna indietro. Ecco. I democrat sono uguali: partono in gruppo, ne resta uno eppure stonato. Ma gli altri sono diventati tutti solisti?

cozza-news-pd