Ricevere un dolcetto? Meglio uno scherzetto… non ingrassa!

Per tutti i ricci di mare che si stanno cucendo il vestito da castagna, a volte davvero io non riesco a trovar un’ancora di logica in quello che dite! Oggi me ne stavo tranquilla con Scoglio a incidere dei secchielli abbandonati (e che vi posso dire, le zucche mica ci arrivano saltando sul picciolo in spiaggia!) per metterci poi dentro delle candele quando mi è arrivata tutta trafelata la seppiolina dei messaggi istantanei (che vi posso dire, a voi suonano al campanello e iniziano a cantare gli auguri oppure si metton sotto la finestra a far la serenata… da noi arriva seppietta che scrive sullo specchio d’acqua) e inizia a impiastricciarmi tutto il mare d’inchiostro ripetendo “non si può, non si può! pericolo!”. Sembrava impazzita tipo Bart Simpson quando nella sigla continua a scrivere alla lavagna. Solo che poi a un certo lui prende e se ne va in skate, questa l’ho dovuta caricare a forza sul primo surf che è passato perchè era davvero inquietante. Il fatto è che s’è messa paura che arrivino i pesci spada a buttarci festa di Halloween per aria. Perchè ci sono i cristiani che ce l’hanno con “i sanguinari dei pagani” e quindi dicono no alle celebrazioni del 31. E con la loro tolleranza son partiti con la crociata contro qualsiasi mascheramento nella vigilia di Ognissanti. Che poi ok, non hanno mai avuto un gran rapporto con le streghe. Eran più ossessionati di me quando mi rendo conto che guscio non si chiude più bene e rinuncio per un giorno alla cioccolata… e inizio a vederla ovunque! (una volta ho pure morso Sco che aveva un sassolino nero che sembrava un cioccolatino che diceva “mangiami mangiami”… robe che mi spacco un dente! Alla fine tutta una roccia mi ha tuffata dentro un vasetto di Nutella che non mi sopportava più: dice che tanto gli scienziati hanno scoperto che la cioccolata non ingrassa invece per quel che mi riguarda non esistono studi che mettano in discussione la mia capacità di stressare chi incontro… boh!) Quindi figuratevi se sentono parlare di streghe ora: pensano a una vendetta e si metton paura… Oppure sono quelli che non tifono Roma e quindi hanno paura che la loro squadra perda la partita (sì, perchè Lotito adesso ha rivelato il segreto dei giallorossi: vincono grazie alla magia… tipo che ci sono fattucchiere varie sugli spalti che fanno l’incantesimo confundus… chissà se hanno già controllato nella sfera se vincono il campionato!) Fatto sta che se ti scagli contro qualcosa almeno lo fai per il verso giusto perchè han paura che sia invocare spiriti maligni. Ma non erano fantasmini che vengono a sgranchirsi le ossa? E allora il mio unico neurone ha sguazzato allegramente (ogni tanto gli piglia così, poi si stanca e va in ferie una settimana perchè non è poi così eccessiamente resistente… infatti se mi vedete con un bernoccolo in testa non è perchè ho cozzato io, è lui che ha fissato troppo alto l’ombrellone nella mia testa quando si è steso sullo sdraio con una pinacolada d’alghe in mano) e ha tratto una confusione: ma come fanno a pensare una cosa del genere? Cioè, secondo loro c’è San Pietro che una volta all’anno dà la libera uscita a tutti? Cioè, se hai un credo lo porti avanti, non è che poi cambi idea perchè hai paura che si spendano tutto in dolcetti invece che in crisantemi! Io comunque sono dell’idea che i veri incantesimi li fanno i bipedi in carne ed ossa. Pensate solo a quei 13 che erano riuniti in Giunta oggi: han fatto passare il voto palese e in un unico Abracadabra han trasformato il giaguaro in iena e perfino alla colomba Alfano son spuntati gli artigli da falco!

cozza-news-halloween

Chi giovane vuole restare… tanto deve puzzare?

Che voi bipedi siate convinti che “chi bello vuole apparire, un poco deve soffrire” lo so quando ero ancora tutto guscio. Altrimenti non si spiega perchè dobbiate giocare a mummia dopo una liposuzione o cose così (una volta nella mia ingenuità pensavo fosse perchè uno voleva finire nei libri di storia, poi ho capito che interessano di più le notizie di gossip…). Però che “chi giovane vuole restare, tanto deve puzzare mi mancava”! Ma allora è per questo che io sembro sempre baby anche crescendo! E’ perchè dopo esser stata in immersione vado a evaporare su Scoglio e so di salmastro! Ma vedete che allora le star hollywoodiane non sono del tutto inutili nella quotidianità? Arrivano sempre con delle perle fantastiche. Insomma, ammetto che adesso che so che Brad Pitt continuerà pure a esser bello come il sole ma di certo non profuma come un prato di fiori mi sento sollevata. Anche quando Sco si mette a muovere i sassolini stile danza della pioggia con una molletta sul naso sperando che una nuvoletta di passaggio mi faccia una doccia gli ricordo che vorrebbe avere lui un aspetto in comune con un vip… lui al massimo assomiglia all’Uomo Roccia dei Fantastici 4. Comunque si sa che quello che fanno i famosi prima o poi diventa moda, quindi ho scoperto che ci sono già i primi che corrono ai ripari. Sostituiscono i pizzaioli con i robot. Il che è geniale se ci pensate: così eliminiamo qualche posto di lavoro che qui se ne trovano più dei pesci della Pesca Miracolosa… Almeno quelli al massimo sanno un po’ di metallico e di olio per le giunture (che a sua volta non è che fa proprio primavera: lo so io che quando mi s’incricca guscio ce ne metto qualche goccina…) Comunque in Italia si prendono le cose con calma e quindi l’idea è arrivata ora (e siete molto più furbi delle balene arenate voi: se non si possono usare deodoranti, uno mica si mette a correre per sudar di più!) ma i danesi sono a un giro di boa più avanti: ci sono i Robotboys che si spacciano per robot (e diciamocelo, a loro viene pure bene!): se imparano a far la pizza poi tocca ammettere che son più bravi degli umani! Comunque non venite a dire a me che non si prendono le cose con relax: pur di non far la fatica di prendere una decisione sulla decadenza di Berlusconi han tirato fuori la storia del voto palese e quindi devono fare una votazione per sapere come votare: questo sì che è essere concludenti! Che poi tanto come decidono sbagliano perchè ci son i falchetti che svolazzano attorno al Cavaliere in attesa di trasformarsi in avvoltoi: tanto qui qualcuno ci rimette di penne. (Cosa che non preoccupa me che al massimo mi rovinano qualche cappellino per le grandi occasioni, ma provate a farlo notare alla gabbianella: inizia a guardare stortissimo il gatto!) Comunque io capisco pure Brad che non vuole invecchiare precocemente: lui deve pure imparare le battute e si sa che a una certa età ci si ricorda cose risalenti al brodo primordiale ma non dove si è fatta l’ultima nuotata. Basta vedere D’Alema che prende ad esempio una pubblicità che neanche Virna Lisi si ricorda di aver girato. Oggi comunque i miei amichetti han festeggiato il compleanno e sicuro qualcuno ha espresso come desiderio che ogni tanto mi si ribalti guscio dalla parte giusta (ossia non a ciuffo in giù) quindi voglio vedere positivo. Non è antico lui, guarda al futuro: qui di giovani c’è un fuggi fuggi generale, se si parla del futuro dell’Italia meglio rivolgersi ai più anziani, che tanto non vanno da nessuna parte sperando prima o poi di vedere come va a finire!

cozza-news-puzza

Quella strana cosa chiamata “lavoro”

Oggi stavo su cucuzzolo di Scoglio con il mio binocolo a osservare quello che succedeva sulla terra ferma. Così, tanto per essere sicura che non mi sfuggisse nulla, se no perdo la mia nomea di “informatrice informata su mondo bipede”. Che come fama è di tutto rispetto perchè devi sapere ogni cosa a 360 gradi, perchè poi tutti vogliono esser messi a conoscenza delle cose che interessano maggiormente loro. Tipo è tutta oggi che Cavalluccio Marino (no, non è parente del sindaco di Roma se ve lo state chiedendo e vi rispondo anche alla domanda successiva: è stato il primo cittadino a copiare il cognome -non è difficile arrivarci, prima c’era l’acqua, quindi scalpitante ha una stirpe più lunga!-) dicevo, Cavalluccio sono ore che trotterella allegramente per i quattro mari per far sapere che Don Chisciotte ha battuto i mulini a vento grazie a un suo simile terrestre. Che in effetti la cosa è interessante e ti fa capire che se uno ha un po’ d’inventiva (e una sana dose di pazzia…) ha anche maggiori possibilità di trovar lavoro. C’è questo spagnolo che è salito in groppa al suo destriero e ha detto: vado a cercar fortuna in Germania. (Quando l’ho spiegato così a Gallinella di mare mi ha chiesto se Fortuna è la fidanzata… ho fatto male a risponderle che è l’amante che tutti i giocatori d’azzardo vorrebbero avere… e contro la quale tutti i bipedi vorrebbero cozzare almeno una volta nella vita?) Fatto sta che tutti hanno iniziato a chiamarlo Don Chisciotte di Avila e gli olandesi hanno fatto un ragionamento semplice semplice del tipo: ma in Germania contro chi combatte? I brezel??? Tocca farlo venir qua! Morale: il cavaliere errante ha ricevuto un’offerta di lavoro proprio dalla terra dei tulipani (che secondo me è felice pure cavallino perchè è più piacevole correre in mezzo ai prati fioriti che per la Foresta Nera: con tutto rispetto, ma qui si avvicina pure la notte delle Streghe, una cosa che dev’esser scura per forza non rassicura per nulla…) E’ che non c’è nulla da fare: la gente qui vuole lavorare. Anche perchè il lavoro non solo nobilita l’uomo… riempie pure il piatto. E infatti è stato il ragionamento che ha fatto un fornaio nel Napoletano. Le forze dell’ordine avevano messo i sigilli al suo negozio (e pure a tanti altri) ma giustamente uno pensa: e con che faccio scarpetta? Meglio se inforno le pagnotte. Fatto sta che adesso è la terza volta che gli sequestrano il negozio e a far scarpetta ci pensano gli altri… tipo i calzolai! Poi dicono alla nave di Teseo che è un paradosso! (Io conosco bene questo, che è ambiente mio, quello dell’uovo e della gallina lo lascio agli starnazzanti che per studiarlo dovrei mettermi a covare troppi pensieri e non so mai quello che nasce!) Ma paradosso ci sarete voi: adesso per risparmiare uno va a farsi far le scarpe su misura… ma dove andremo a finire? A dare ragione a quelli che da vent’anni ripetono che si stava meglio quando si stava peggio? Uno s’inquina tutto il mondo per far la rivoluzione industriale e poi mi tornano di moda i calzolai perchè son più economici della grande distribuzione… (che a conti fatti non ci vuol molto a capirlo: questi fan tutto nella loro botteguccia e consegnano, mica han bisogno di far ingollare a qualche camion litri su litri di benzina… ma poi avete mai chiesto se ai camion piace il sapore? perchè l’odore a me non manda in brodo di tartaruga…) Insomma, se adesso a Letta non viene in mente di metter una tassa sulle suole delle scarpe potrebbe esser una soluzione da prendere come esempio… A me poi piacciono pure le scarpe ma non saprei proprio dove infilarle… una volta ho provato uno Stivale ma poi tocca saltare e mi dicono che faccio troppo rumore con il tacco… senza contare che passavo per eccessivamente filo-italiana e quando hai a che fare con i granchi esteri sempre meglio non mostrarsi troppo di parte: quelli iniziano a dire che l’Italia è una penisola, significa che ha tre lati bagnati dal mare (e lo so, dicono ovvietà a volte, ma han chele, mica rasoio di Occam!) quindi molta più gente che va a pescare (io evito di ricordar che ci son pure le isole…) insomma… già i bipedi non li vedono di buon occhio, vi lascio immaginare quelli costieri… Comunque io volevo dire solo una cosa: se cercate il lavoro, fatelo con la testa e non con lo smartphone che diventate miopi… e mi tocca chiamar il cast di Happy Feet per catturare la vostra attenzione!

cozza-news-lavoro

Certo che gli italiani quando ci si mettono…

Se c’è una cosa che sanno far bene gli italiani è picchiar duro. Intendiamoci, bipedi malfidati, sto parlando di attività agonistiche. Oggi Clemente Russo è diventato Campione del Mondo (ri-diventato dovrei dire. Anzi, lo specifico che se no qui qualche suo tifoso se la prende e mi spinna talmente forte che tra una settimana Scoglio deve andare a “Chi l’ha vista quella cozzaccia?” – non chiedetemi perchè, ma siamo le uniche subacque con il ciuffo talmente tanto sopra il pelo dell’acqua da riuscire a perderci anche in una pozzanghera – solo perchè sto ancora rotolando dalla botta…) E riflettevo… anche alle ultime Olimpiadi, gli azzurri sono andati a medaglia quando si è trattato di boxare, sparare, spadare (sì, lo so, si dice tirar di scherma o fioretto, ma mi si rompeva l’equilibrio e io sono un esserino molto equilibrato: infatti gioco a dondola dondola sono per trovare la posizione perfetta!) Ma che è sta cosa? Cioè, non è che se la cavino male anche in qualche altra disciplina, però se ha a che fare con un qualche aspetto violento viene meglio. Sì, ok, mica la Vezzali incide le V sugli avversari (anche perchè probabilmente il primo pensiero di uno che non ha visto l’incontro sarebbe: “Ops, son tornati i Visitors???) nè la Rossi prende di mira qualcuno, però… provate a far due chiacchiere con D’Artagnan o qualche anatra e vediam che ne pensano di lame e mirini… Da quando fan meno falli i calciatori pure la Nazionale è uscita dal Ranking: ma guarda te se neanche più prendere a calci una palla deve riuscir bene… Ecco, quindi mi chiedevo “chissà come mai sta cosa…” Che poi un pochetto irruenti voi bipedi lo siete pure, chiedetelo a Gasparri! Si è ritrovato ad essere spintonato da una donna… che dev’essere stata proprio una furia visto che il politico se l’è data a gambe levate. Che poi in Italia è un fuggi fuggi generale peggio che quando Squalo Bianco se ne salta fuori dicendo “ho un leggero languorino”. Il problema è che una volta c’era Ambrogio pronto a passargli cioccolatini, poi un giorno quel denti affilati che non è altro se l’è presa perchè nei suoi non c’erano mai i bigliettini con le frasi e a farne le spese è stata proprio la povera razza (e se non porta bene il vassoio lei, chi?) Cioè, tra grillini che fuggono dal movimento, Alfano che fugge da Berlusconi, Renzi che rifugge dalla vecchia idea di Pd… qui più che governo delle Larghe Intese c’è il Governo Puzzle… e non c’è un pezzo che sia al posto giusto! Comunque riguardo ad Angelino c’è da dire che si sta avviando sulla strada dell’allievo che supera il maestro: intanto ha imparato a snocciolare ricatti vari e lanciar minacce. Qui Berlusconi era talmente impegnato a star con il naso per aria a seguir gli svolazzamenti di falchi e colombe che non s’è accorto della serpe in seno… (capito perchè poi a me ripetono sempre “attenta a dove parcheggi guscio?”: uno non sa mai che può succedere 3 millimetri sotto il naso!) Comunque non è che le stoccate arrivino solo in politica, è proprio chi può apparire da qualche parte che le spara a raffica. Metti Mino Raiola che adesso attacca la stampa che inventa le notizie: ce l’ha con la storia del tutor di Balo e poi che i media stan troppo addosso al suo giocatore. Adesso, non è che un po’ non se le vada pure a cercare anche lui, però l’agente ha fatto un discorso più ingrovigliato del mio ciuffo quando vado controvento. Del tipo: se va avanti così lo porto via dall’Italia che qui è sotto assedio mediatico come a Manchester… Io non sarò ferratissima in geografia bipede però… per allontanarlo dai media dove lo porta? Lo iscrive al campionato intergalattico? Insomma, sto ragionamento è come quando qui c’è burrasca: il mare non fa una piega… è tutto increspatura!

cozza-news-boxe

Cosa faremo di quei 60 minuti in più?

E finalmente cambiamo l’ora! Guadagno 60 minuti che va sempre bene come cosa perchè ogni volta che iniziano i saluti di bentornata alla luna mi resta sempre qualcosa non depennato dalla lista. Tipo in questi giorni dovrei sferruzzare una sciarpa d’alghe per Scoglio ma ancora non son riuscita a filarle bene con calma. Tra le altre cose devo riflettere un po’ su sta cosa dei pinnati che si stanno bipedizzando. Tutta colpa di quei cavi per le intercettazioni che han messo sott’acqua: qui sentiam tutto quello che vi raccontate e c’è chi è facilmente impressionabile e si stampa in testa cose strane. Tipo Balotelli che dà una manata al cameraman di Mediaset. Poi capita che una balenottera pensa che sia una cosa che fa moda e pummete! Vede una telecamera che la spia e la spinna via! Povera, c’è rimasta malissimo che non ne hanno parlato tutti i tg. Non ha capito perchè se lo fa lui succede un putiferio e per lei zero. Adesso sta pensando di farsi anche l’account Twitter, che sai mai… C’è solo il problema che con quelle pinnone che si ritrova per pigiare un tasto copre metà tastiera… Magari le facciamo arrivare una mega cinturona con un sensore che manda tweet in automatico. Come quello che hanno inventato in Grecia. Loro l’hanno messo addosso a un reggiseno però insomma, qui potrebbero usarlo solo le sirene quindi dobbiamo pensare a qualcosa di alternativo. E poi volevo organizzare qualcosa di carino per quelli di Google. Hanno iniziato a mappare anche i mondi sommersi, no? Allora pensavo che visto che ci son le automobili di Google Street View che ritraggono le cose più incomprensibili del mondo (alcune superano pure una cozza parlante e blog-scrivente, il che è tutto un dire!) non vorrei restassero delusi quando arrivano con i sottomarini. Insomma, che so, magari dico a pesci sega e martello di fare una specie di cavallo di Troia a forma di testa di Berlusconi, che da là non sai mai che può uscire. Sta a vedere che è come la Tommasi che sente le voci e riceve suggerimenti di far cose strane. Avete presente quando si vede in un cartone animato che spunta l’angioletto da una parte e il diavoletto dall’altra che dan suggerimenti opposti e alla fine si prendono forchettate/aoreolate a vicenda? Ecco, secondo ma a lui capita uguale. E’ più contraddittorio di me quando le due metà di guscio non ne vogliono sapere di mettersi d’accordo. Solo che lui non ha angioletto ma Angelino e poi come davoletto s’è preso Balo (e l’ha pure pagato caro per farlo tornare in Italia dall’Inghilterra) e lo capite da voi chi dei due soccombe. Cioè, ti arriva Alfano con queste alette bianche tipo colomba che prova a portare un rametto d’ulivo (cioè, proprio Ulivo-Ulivo, che per le larghe intese va bene tutto) e fa il gentile perchè insomma, lui s’è fatto il nido comodo su quella poltrona, mica gliela possono portare via così. Dall’altra gli arriva l’attaccabrighe che mostra i muscoli stile incredibile Hulk e suggerisce di artigliarli tutti neanche avesse l’aquila come logo… (infatti Berlusconi i suoi li chiama falchi che non vorrebbe mai si confondessero e iniziassero tutti a tifare Lazio, che là c’è uno solo che comanda e se ha una squadra di calcio per quella bisogna parteggiare). Fatto sta che prima dice confermo il ruolo e dopo due minuti fa fuori proprio Angelino. Che adesso non sa più che squadra incoraggiare ai prossimi mondiali se non può più urlare Forza Italia! Comunque secondo me quelli che non si sono presentati oggi sono quelli che preferiscono guardare al futuro. Cioè, ritorna Forza Italia? Significa che si ricomincia da capo? Anche con tutti i processi? Si ri-comprano politici, ri-finisce in tribunale, ri-assiste al Rubygate? Ma sta mirando a fare la Guerra dei Cent’anni? Perchè la vedo lunga ancora… Lo capite anche voi che tutti assieme sono troppi per un’intera vita! Fatto sta che alla fine hanno vinto i tutti muscoli… E a me è sorta una domanda: ma a loro un tutor non lo prendono?

cozza-news-orasolare

Attenzione, ci spiano! Meglio se iniziamo a dire cose intelligenti…

Il dubbio è amletico: esibizionisti gli uni o malati d’insonnia gli altri? Cioè, gli abitanti di Southampton, in particolar modo quelli del quartiere di Hythe, dicono che nella stagione dell’accoppiamento non riescono a chiuder occhio perchè i pesci cadetto hanno un modo eccessivamente rumoroso di fare sesso. A parte che lo si capisce dal nome che son di quelli che sbraitano ad ogni occasione… Cioè, si chiamano così perchè dire “pesci allievi ufficiali” viene lunghissimo e uno per chiamarli deve stare talmente tanto a bocca aperta che ingolla acqua per forza, ma poi, non è che non salgono di grado anche loro. Quindi sanno che arriverà il loro turno di educare le uova successive sbraitando a piene branchie “sinistr, sinistr, sinistr pinna sinistr!” (sì, lo so, alla finne spinnano sempre dalla stessa parte e fanno testacoda ma hey, mica si chiamano pesci acume!) Insomma, ce l’hanno nella lisca proprio quello di far baccano: e i bipedi si lamentano quando fanno sesso? Sapessero quando sono in piena esercitazione! Una cosa è certa: per quanta strada facciano nella gerarchia, sempre di fanteria restano, perchè non ce la fanno a passare uditivamente inascoltati! Motivo per il quale hanno provato a entrare anche al Nssa (National Sea-Security Agency) ma li han buttati fuori a codate in tempo record. Passavi in zona e non facevi altro che sentire “Cadè! Senti questo che dice! Vuole ricoprire famiglia Branzino col sale e nasconderci dentro prezzemolo e finocchietto! Attentato! Ma qui dobbiamo salire in superficie e fargliela vedere noi!” e poi un altro rispondeva: “Zitto tu! Qui abbiamo un problema più serio: qui si avvicina la Vigilia e voglion sterminar tutti per festaggiare”. Poi puntualmente arrivava qualcuno a calmare le acque (che con tutte queste grida s’increspavano pure) e sfornava la soluzione ideale: tutti in carcere e chissà abbiano imparato da Pannella a far lo sciopero della fame così siam salvi… Insomma, una settimana che ci son stati loro al Nssa e han fiocinato tutta l’organizzazione che al confronto Snowden è un pivello. E’ che qui non si sono alzate bufere perchè si mira alla sopravvivenza e basta, tanto chi vi capisce voi bipedi quando parlate? Cioè, io m’immagino pure americani e inglesi che ascoltano gli italiani. Quelli poracci studiano la lingua per anni e poi ascoltano e… zero! Ma non per altro, ma non vi si capisce proprio. O perchè metà delle volte le cose non hanno senso o perchè avete fatto l’impossibile per riunificare l’Italia ma avete dialetti incomprensibili. Che è ancora simpatico se lo utilizza il prete durante il matrimonio (sperando gli invitati fossero tutti del luogo) ma altrimenti è terribile… e poi tutte queste parole a casaccio. Una volta dovevo accompagnare puella cernia a tenere una conferenza a un gruppo di veterinari a Roma. Eravamo quasi arrivate ma non capivamo bene in che palazzo entrare e sentiamo uno che dice “Dottò”. Ok, dottore, veterinario, seguiam lui che sicuro non sbagliamo. Insomma, è saltato fuori che chiunque passava era “dottò” e nessuno ci forniva indicazioni perchè non conosceva il pescese. Alla fine ci siam un po’ stufate con le patate che c’eravam portate dietro per pausa pranzo e siamo andate a farci una foto col gladiatore…  E comunque, se ascoltiamo (ma neanche tanto, che non avrebbe senso la cosa: a parte che cambiate idea più in fretta di quanto vira un windsurf, ma pure se andate avanti convinti non si capisce il significato alla base del ragionamento perchè parlate sempre delle stesse cose solo cambiando il nome… come le tasse tipo…) è perchè avete piazzato i cavi dove circolano le informazioni sott’acqua: mica colpa nostra se ci cozziam contro! E’ come dire: mandiam i satelliti in orbita ma i marziani non devono osservare quello che facciamo: glieli ficcate sotto il naso scusate! Quelli poveri non capiscono perchè hanno un posto in prima fila pur senza aver pagato il canone Rai! Almeno offriste un bello spettacolo! A volte siete raccapriccianti come Vecchioni a cui rode talmente tanto che la Juve sia meglio dell’Inter che intitola pure un album con il riassunto dello stato d’animo dei tifosi nerazzurri: “Di rabbia e di stelle” (che possono continuare a prendersela con i bianconeri che non rinunciano a quelle dell’era Moggi, ma pure senza hanno un’intera costellazione dalla loro) E che vi posso dire, io parlavo con pesce zebra e quello mi ha detto una grande verità: “molti squali molto onore”! Comunque, se proprio voleva prendersi una standing ovation solo perchè era a Firenze mi ha fatto gelare ciuffo peggio di una gita in freezer. Ma con la sua esperienza alle spalle, non poteva stupire tutti con le sue note e cantare fuori dal coro? Quello avrebbe fatto effetto! Io preferisco sempre chi balla fuori dalla fila anche perchè… meglio un assolo ora che un pesce cadetto di notte!

cozza-news-spiare

Vecchia Signora… o zebra azzoppata?

Non c’è nulla da fare, qui è tutto rovesciato peggio di paguro quando finisce a zampe in su e si agita mezz’ora prima di ricordarsi di girarsi controvento e aspettare il primo soffio che lo rimetta a testa in su. Voglio dire, ti arriva uno sbarbatello come Ronaldo e neanche le regole base mette in pratica. Primo, rispetto per gli anziani quindi se ti trovi a giocare contro la Juve sai benissimo che è la Vecchia Signora e al massimo cedi il passo se la incroci lungo la fascia. (Che poi giovincella non è, insomma, lo si capisce solo a guardare la maglia: l’hanno fatta perfetta perchè uno non si confondesse quando la tv non era ancora a colori!) Poi non si raccontano bugie, non si fanno scenate e non la si irrita: che a una certa età pure il cuore non è più quello di una volta! Insomma, merenghino che non sei altro, hai fatto espellere Chiellini chiamando un fallo che era più falso del rapimento della donna a Palermo. Solo che là era questione d’amore e al cuor si sà, non si comanda (al cervello però sì, quindi se proprio devi fingere qualcosa fallo bene, è la regola basica! Ma lo vedete che a voi bipedi bisogna spiegar sempre tutto?) Qui al massimo era questione di bonus… Insomma, lo ammetto: questa partita mi ha fatto rizzare ciuffo tantissimo e quando m’inciuffolo io divento più mordicchiosa di uno squalo che vuole fare uno spuntino! Questo portoghese conosce le regole del gioco sportivo tanto quanto i grillini conoscono la Costituzione: ma io dico, ma se non sai le cose, perchè devi mostrarlo così palesamente? Che poi non capisci perchè ti ridono dietro: e ho capito, ma se ti metti a raccontar barzellette in aula che deve far Letta? Mettersi a piangere e chiedersi con chi ha a che fare? (Che poi la cosa grave è che gli altri pentastellati hanno pure applaudito l’uscita di Sibilia: al che io ho avuto un pensiero che mi ha fatto cucù in cima a guscio: ma non vogliono che la modifichino perchè ancora devono imparare quella originale?) Ma torniamo alla nostra povera zebra azzoppata… C’è da dire che qualcosa di positivo s’è visto: Buffon si è ricordato che ci sta a fare in mezzo ai pali: il primo tempo era un po’ distratto ma nel secondo gli si è raddrizzata l’onda e ha parato quando ha visto avvicinarsi la sfera! E lo vedete allora? Pure lui è un po’ ondivago tipo marea: adesso è tornata la luna buona e vedrete che ricomincia a far il suo dovere da bravo portierone (e se non è così vi regalo un buono per il ristorante: però io non vengo, che adesso hanno aperto le porte anche ai cani ma per noi cozze resta sempre quel posto in prima fila sopra il tavolo che non mi aggrada troppo… Gli unici tavoli vostri che mi piacciono sono quelli dove ci son le bocce di vetro da centrare con la pallina per portare a casa i pesciolini rossi: io non mi ci infilerei mai, ma quelli sono un po’ viziatelli come pinnati e preferiscono trovare tutti i giorni la pappa pronta anche se gli servite sempre la stessa. E che vi posso dire: sono abitudinari!) Comunque un granellino di sabbia va speso pure per Llorente (che dopo il gol voleva cambiar nome e scrivere Ridente sulla maglia: Conte l’ha fatto uscire apposta, solo che non ha fatto in tempo a cambiar scritta che hanno segnato di nuovo gli spagnoli ed è tornato a quello originale che suona molto simile a Piangente): ma se il re Leone per una volta che lo fanno giocare ruggisce, perchè se ne deve sempre stare in panchina a pettinare la criniera? Comunque, quello che voglio dire è che sta partita è stata ladrata (solo che quando capita alla Juve non lo dice mai nessuno perchè se no quando vince non possono accusarla…) ma sti bipedi il pallone l’hanno rincorso bene e secondo me si meriterebbero un premio: ma portarli a Gardaland come Totti? Tipo li mandiam sulle montagne russe… tanto per ricordare che dopo un giù c’è sempre un su!

cozza-news-juve

Con tutti questi “-gate”… non scandalizzano più neanche gli scandali!

Oggi me ne son stata mezza giornata a bussare sul guscio delle ostrichette. Ne cercavo una vuota per chiedere se era così gentile da far diventare una pallina un pezzetto di folgorite che avevo trovato in spiaggia. Praticamente io ho questo bel vetrino e ho pensato che potrei farmici una sfera: che vi posso dire, ogni anno quando si avvicina Halloween mi prende la mania di studiar da streghetta. Ho anche già pronta la mia bella scopa: un rametto, qualche alga secca all’estremità e via. L’unico problema è che Scoglio non capisce bene questa mia passione e ogni volta che la vede mi dice di pulire da qualche parte. E mica sono Cenerentola! (Che poi da noi si chiama Sabbiarentola, anche perchè lo capite da voi che qui è difficile trovare un po’ di cenere. Al massimo quando arriva qualche ambasciatore da Cuba che porta in dono i sigari, ma anche là è un macello perchè possono fumarli sono i tritoni che se ne stanno tranquilli fuori dall’acqua…) Comunque non ho trovato ostriche senza perla che potessero farmi questo favore e quindi devo allenarmi a prevedere il futuro sul mio pezzo un po’ amorfo. Funziona, non dico di no… Solo che più o meno si ferma all’ora di pranzo. Hey, non ci crederete, ma è tarato benissimo: mi mostra esattamente quello che ho voglia di mangiare! In realtà volevo scoprire se si riesce a fare un Cozzagate. Perchè mi sembra che la cosa vada di moda e a me piace essere up to date. (Sì, lo so, allo scandalo delle cozze ci aveva pensato Michele Emiliano con le sue 50 cozze pelose, però è già caduto nel dimenticatoio. E poi insomma, le mie povere amichette erano innocenti, l’unica colpa loro era di esser pelose e di trovarsi dalle parti di Bari in quei giorni!) E’ che non è facile riuscire a far parlare di sè con un certo scalpore. Cioè, prendete anche la Pascale, la Bonev ha provato a lanciare una bomba ma alla fine sempre di Dudù si finisce a parlare (ma è mai stato fatto un sondaggio per sapere se agli elettori sta più simpatico Dudù o Empy, il cane di Monti?) Gli americani al riguardo son quelli che se la cavano meglio, dai tempi del Watergate proprio. E adesso giusto per deviare l’attenzione dal Datagate hanno reso noto il Navygate. Insomma, non se ne lasciano sfuggire una. Devo sentire qualche amico d’oltreoceano per farmi dare delle dritte mi sa. Hey, capiamoci, mica voglio far danni o andar di traverso a qualcuno… Però che so, magari svelo qualche mistero tipo come facciamo a basculare in modo perfetto o a farci chiamare pelose anche se ci depiliamo regolarmente… Ci devo pensare. E’ che non ho molto tempo libero. Magari se mi mettessi a riposo qualche giorno riuscirei a rifletterci con calma. Che è un po’ il ragionamento che fanno quelli che non vogliono fare il vaccino antinfluenzale. Che poi non capisco come mai voi bipedi non comprendiate la lucidità di un simile ragionamento. Fila più liscio di un pinguino che pattina su una lastra di ghiaccio. Allora, se uno ha una vita intensa, non è che ci pensa molto ad ammalarsi, perchè sarebbe un problema. Ma ora come ora: la scuola italiana è allo sfascio quindi gli studenti pensano che se anche saltano qualche lezione (magari pure un’interrogazione e un paio di compiti) fa uguale. Un disoccupato pensa che così per un po’ non può uscire e sentire cento persone che chiedono come va la ricerca di lavoro e Marino riflette sul fatto che se nessuno lo vede non rischia di incappare in altri antagonisti che lo prendono per la cravatta (che poi non l’avevo mai sentita: per il naso, per i fondelli… per la cravatta solo a lui poteva capitare!) Hey! E se rivelassi come facciamo noi cozze a capirvi meglio di quanto facciate voi? Vi do un’indicazione: c’entra con il fatto che ci beviamo l’acqua, non tutto quello che ci dicono! (E ora scusate, ma vado a cercar due guardiani che controllino l’ingresso: che non venga qualcuno a intercettarmi i pensieri!)

cozza-news-caozzagate

La politica italiana… crea dipendenza!

Non so se dipenda dal fatto che vi abbiano insegnato che Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza, fatto sta che ho l’impressione che per non essere da meno vi piaccia manipolare un po’ le cose, creare nuove specie e simili. Tipo questa storia del Frankenfish: ma io dico, ma almeno siate originali! Cioè, partire da qualcosa che esiste son capaci davvero tutti! Che poi non ho capito sta cosa del miscuglio tra anguilla e salmone. Domanda: l’idea è venuta a un parlamentare italiano? Perchè fa molto larghe intese: la prima striscia ai piedi di chi comanda (ossia Berlusconi a quanto pare, miracoli di una condanna all’interdizione), il secondo va controcorrente tipo che mentre tutti i presidenti esteri mirano al balzo in avanti qui c’è il premier ben contento di mantenere lo status quo. Sì, ok, Legge di Stabilità, il concetto è quello. Comunque, se non inventate accoppiamenti, infausti, nuovi, vi date alla riesumazione. Ma pure i pesci che giocano a “bel pinnato addormentato” in pescheria non siete in grado di lasciar in pace? Loro se ne stanno là a farsi la settimana bianca in mezzo al gelo, ma giusto per rilassarsi un po’, e adesso vi mettete a spruzzarli con questo spray per svegliarli e dar loro un’aria più fresca. Ma voi passate troppo tempo ad ascoltar Veltroni che recita “Sinistra rimembri ancor quel tempo in cui c’era Berlinguer immortale…” E ce lo ricordiam tutti! Il problema che non c’è un successore di Berlinguer da nessuna parte all’orizzonte… ma neanche oltre! So che un po’ di tempo fa un tritone aveva pensato di fare il sirenetto di turno, farsi spuntar le gambe e candidarsi portandosi dietro il suo acquario di consiglieri (tanto là tra pitonesse, giaguari, falchi e via dicendo non si meraviglia nessuno se arrivano pure un po’ di pesci. Ma perchè lo chiamano Transatlantico poi e non Arca di Noè?) Era quasi arrivato a presentar la lista, Vento in poppa, quando ha sentito due che discutevano e parlavano di Porcellum e Mattarellum. Il momentaneamente-bipede ha pensato: “Ok, io ho il mio forchettone, ma mica voglio iscrivermi a un corso di cucina” e s’è rituffato nel Tevere. Ora appena sente nominare la politica scuote la coda sconsolato e dice: “Ci si mangiano tutti là” e se ne va! Insomma, una delle poche cose buone che siete riusciti a fare son stati gli Oreo… e c’è la fregatura pure là, che creano dipendenza. Che non è proprio la peggiore in assoluto ma insomma, neanche salubre. E’ che uno lo capisce pure che la gente ha bisogno di zuccheri: serve perchè han tutti il fegato amaro ormai! Uno riequilibra un po’! Comunque ne parlavo oggi con Scoglio e mi salta fuori che io pure assomiglio un po’ al biscotto. Almeno, anch’io ho due metà di guscio. Solo che non sono così dolce. E non so neanche se provoco proprio dipendenza… magari un po’ di mal di testa sì a furia di bascula bascula! Comunque se ci pensate la cosa è geniale: è l’unione di due metà in posizioni opposte ma che mostrano la stessa faccia (cioè, la parte “ricamata” sta all’esterno). Praticamente come Alfano! La faccia è sempre quella, solo che poi a seconda di dove si trova dice cose che più diverse non si può. Tipo invoca l’intervento dell’Europa per quel che riguarda l’immigrazione e quando la Ue dice “ok, Angelino, allora ci pensiam noi” il diabolico risponde picche! Insomma, che vi posso dire: la politica italiana crea a sua volta dipendenza (e nuoce pure a portafogli e salute), un po’ come le telenovelas… Anche la trama si sviluppa nello stesso modo: intrighi, tradimenti, colpi di fulmine… senza mai andare a parare da nessuna parte!

cozza-news-oreo

Quell’innato bisogno di cambiare…

Voi bipedi siete ingombranti! Io non ho mai davvero capito questo innato bisogno che avete di occupare spazio. Tutti a far gli occhi da triglia per una casa da 17 metri quadri dove ci sta tutto! Cioè, è la capacità di sfruttare lo spazio e togliere l’ingombro. E’ anche una cosa pratica se ci pensate. Ed economica. Rifletteteci: meno soldi di riscaldamento, meno di tasse. E anche risparmio di tempo per pulire e per far la caccia al tesoro quando non trovate qualcosa. Voglio dire, che ci vuole a mettere sottosopra uno spazio ristretto? Io c’impiego davvero un secondo a generare il caos nella mia testa! (Non mi è ancora riuscito di fare una stella danzante ma, hey, avete idea di che significhi averne una che ti balla la rumba tra i pensieri tutto il tempo?) Comunque vi assicuro che io ho il guscio mignon per i vostri standar, ma è comodissimo e ho tutto quello che mi serve (sono tipo quello che s’è costruito la casa stile hobbit: bravissima ad appallottolare qualsiasi cosa: chiedetelo a Scoglio. Quand’è tempo di grandi pulizie e tiro fuori tutto ogni volta organizza un torneo di biglie da quante sfere tiro fuori! L’unico problema è quando mi scuote per ciuffo per farmi calmare se sono agitata che risuona tutto neanche fossi una maracas. Alla fine si scorda che sono la sua cozzina preferita, s’intestardisce a suonar la cumbia finchè non mi viene un mal di mare pazzesco. Che per una cozza è tutto un dire…) Comunque, se voi foste più elementari avreste risolto da tempo sto problema. Invece avete la propensione all’estensione. Anche dell’ego. Tendete sempre ad appioppare agli altri le caratteristiche vostre. Adesso pure ai poveri pennuti volete far crescere le braccia. Ma v’immaginate che cosa accadrebbe? A parte che sarebbe stato un macello in passato quando utilizzavate i piccioni viaggiatori: quelli si leggevano la corrispondenza se avevano due mani per srotolare il bigliettino. Magari stavano in qualche convento di amanunesi e sapevano scrivere: prendevano una penna e, così, tanto per fare uno scherzo, cambiavano qualche parola qua e là (voi non lo sapete, ma sono un po’ così loro, uno humor tutto loro…) La cosa positiva è che magari spunta a qualche usignolo tecnologico e impara a usare l’amplificatore: così la mattina li sentireste bene. Ora come ora si sgolano per tirarvi giù dal letto! Comunque, la cosa davvero buffa è che agli altri appiccicate addosso caratteristiche vostre… e poi andate dal chirurgo per assomigliare a un altro! Come quello che c’ha perso 5 anni di vita in interventi per avere il viso di Justin Bieber. Solo che adesso gli manca la voce, il fisico, il conto in banca e pure l’età. Insomma, ho capito la fissa di apparire più giovani, ma avete idea di quante cose son meglio stagionate? (Basta non lasciarle in un angolo troppo a lungo, che il tempo ha la sua concezione di miracoli: non trasformerà l’acqua in vino, ma il vino in aceto sì!) Lo so, a volte può esser carino fingere di essere una persona diversa… infatti hanno inventato Carnevale e Halloween apposta! Però a volte basta anche solo cambiare ambiente e uno si può reinventare da zero. Basta che non si trovi in mezzo ai musi di tutti i giorni, che ti fanno subito tornare al tuo posto. Io una volta ho provato. Mi son svegliata una mattina e ho detto: da oggi non voglio più essere cozza, voglio essere sirena! E mi son pure sistemata per benino, stirato ciuffo, infilata la coda, ho pure nascosto una radiolina così se mi chiedevano di cantare potevo andar di playback. La verità? E’ scomodissimo mettersi nella pelle di un altro, anche se ce lo siamo inventati. Io avevo sta cosa pinna che teoricamente sarebbe dovuta servire per nuotare e schizzar tutti con fare ammiccante che finiva per pender in giù, il trucco mi colava (mai capito come fanno a esser sempre a posto, è tipo come quando guardi un film e la gente si sveglia la mattina con capelli perfetti, pigiama fresco di stiratura e zero occhi gonfi… e poi il cinema dovrebbe rifarsi alla realtà!) e sta parruccotta s’impigliava in tutte le alghe che incrociavo. Insomma, me ne sono andata a zonzo così per tipo un’ora (solo perchè quarantacinque minuti buoni li ho persi per capire come fare a scuotere la chioma senza rovesciarmi nè darmi le punte negli occhi) e quando son tornata ho trovato Sco’ che ancora si rotolava dal ridere. Insomma, uno a volte dovrebbe limitarsi a esprimere se stesso e basculare sereno nella vita. Cioè, tipo: “fai del tuo meglio con quello che hai”. E invece avete sto granello di sabbia di pensiero che v’infastidisce tantissimo di dover essere sempre di più (in genere capita perchè sguscia via il fatto che il “di più” è esattamente quell’unicità che non hanno gli altri… tipo io vorrei avere una mente sovrapescina ma se poi diventassi come grande polipo finirei per dover star tutto il giorno a rispondere alle domande che mi vengon poste mostrando pure un’aria intelligente. Francamente mi sembra una gran fatica dover dar retta all’universo oceano…) Ma in tutto dico. Pure le squadre di calcio che si cambiano allenatore in corsa. Cioè, quattro mesi prima un genio, in estate gli è evaporata ogni capacità? Insomma, date retta a me, svegliatevi domani mattina e siate bipedemente voi. Mal che vada capita come a quelli della Lazio che il pullman li lascia a piedi: e da quando in qua camminare fa male?

cozza-news-sirena