Pensa che meraviglia se ogni tanto qualcuno dicesse qualcosa di nuovo…

Secondo me voi bipedi avete una fantasia che riesce a raggiungere livelli assurdi solo che date il meglio di voi nei momenti più improbabili. Tipo quando quel simpaticone della Nasa ha disegnato un pene su Marte. Ecco, simili livelli li ha raggiunti solo il grafittaro che ha pensato bene di scrivere “Kit Kat Big Dawg” in azzurro sulla plancia della Concordia. Tipo che c’era il mondo a seguire l’evento, religioso silenzio e a un certo punto “stunk stunk stunk”. Erano le testate contro il muro che stavano dando dentro la control room… Ecco, simili tuffi nel mondo dell’originalità (pure fuori tempo limite se volete) ormai si trovano solo in rete: per pescare idee ormai bisogna andar là. In effetti le battute che più mi fanno rotolar dal ridere le trovo tutte in Twitter… al massimo in Facebook (politici a parte intendo!) Ma poi mi affascinano le 50 sfumature di tempismo che avete: tipo che Mentana non fa in tempo a chiedersi chi sarà il primo gonzo a usare la rotazione della Concordia come metafora del risollevamento dell’Italia… e tempo qualche minuto Saviano viene preso all’amo. Saviano dico, mica un pinco pesce pallino qualsiasi! Che poi scusate, ma secondo voi è una metafora da fare? Ma l’Italia è più Bella addormentata in un’epoca in cui i principi son troppo impegnati a giocar con la Play per andare in cerca di donzelle da baciare! Altro che cavi d’acciaio e gru: neanche Houdini riuscirebbe a dar l’illusione a qualcuno di farla riemergere dalla palude in cui s’è ficcata con tutto lo Stivale! Ma metafore, similitudini e simili non le studiate voi? Da noi tengono costanti corsi d’aggiornamento e ci facciam pure le gare: però devono essere pregnanti, se tiri fuori giaguari e tacchini ti mandan a contare le schegge di legno di un galeone fantasma. Tipo devi boccheggiar fuori cose del genere “sei proprio un tronista” per dire che hai la coda talmente pesante che aspetti due sirene imitino le gallinelle di mare per conquistarti invece che far la fatica di provarci. Oppure “hai più Fede tu di Emilio” se stai parlando con un leccapinna. Comunque, l’altro giorno ho visto un’Ondina che galleggiava in pieno Mediterraneo e le ho chiesto “che fai?” (a parte galleggiare intendo, ok cozzina, ma il guscio ce l’ho fuori, non nel cervello, anche perchè se no fa a cozzare contro neurone e mi si scheggia tutto) La porella ha spiegato che si chiama Fantasia e si stava facendo un tuffo per vedere se da queste parti qualcuno parlava un po’ con lei. Per gli occhiali appannati di pesce quattrocchi, non la riconoscete neanche se vi si presenta! Infatti pure gli artisti ora pur di scansarla si danno al già noto. Tipo Sting che si fa una sguazzata nel passato e i registi che per evitare il mare dell’ignoto si rifanno alle biografie illustri… Lo fanno con stile, intendiamoci, ma già sai come va a finire… Per me non capire fino all’ultimo come finisce una storia è una cosa più affascinante di una tela cucita da una sirena con fili di stelle… Wow! A me l’ondina ha raccontato una storia fantastica, parlava di un politico che parla in maniera comprensibile, senza insultar nessuno e nemmeno urlare, e poi faceva tutto quello che aveva detto: altro che fantasia! Questo rasentava la fantascienza! Ora però devo andare, ha detto che mi dà uno strappo su Collo Lungo e andiamo a raccontare la favola della buona notte a Sco’!

cozza-news-fantasia

Advertisements

One thought on “Pensa che meraviglia se ogni tanto qualcuno dicesse qualcosa di nuovo…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s